fbpx

Lavanderie automatiche: come promuoverle?

Una lavanderia self service ha il suo vantaggio principale nel fatto di generare rendita senza richiedere la presenza, o il lavoro, del titolare. Attenzione: è un’affermazione vera solo finchè parliamo dell’effettivo lavoro in lavanderia, dato che in effetti le macchine sono completamente automatiche e non richiedono il minimo intervento umano. Ma se vogliamo che la nostra lavanderia a gettone funzioni bene, allora dovremo assolutamente pensare, e molto, ad un altro aspetto fondamentale: la promozione pubblicitaria. Per piccola che sia un’attività, il marketing non le farà mai male!

Tanto per cominciare, sarà buona cosa fare un po’ di ricerca di mercato. Chi sono i vostri clienti? Non dite “tutti”; non è mai una buona risposta. Analizzate la zona dove avete aperto, e tracciate i profili di qualche cliente tipo: se siete in una zona residenziale forse saranno delle madri col bucato di tutta la famiglia, se siete in una zona di uffici dei professionisti con poco tempo e bucati ridotti, vicino ad un’università studenti che si ricordano occasionalmente di fare il bucato e arrivano con carichi enormi. Dovete conoscere chi compra da voi, per comunicare nel modo giusto.

In secondo luogo, dovrete fare i conti con la vostra concorrenza – e distinguervene in maniera netta. Certo, il modo più semplice è con una politica di prezzi, oppure con l’acquisto di macchinari di qualità superiore; ma a parte questo, potete fare molto di meglio, e spesso con meno spese o meno tagli al budget. Riprendete i profili tracciati in precedenza. Avete molte madri di famiglia fra i clienti? Forse vengono a fare il bucato dopo aver ritirato i figli da scuola? Dei bambini irrequieti non sono semplici da gestire, dopo una giornata di lavoro. Un’area gioco, anche ridotta ma ben fornita, potrebbe essere un richiamo irresistibile. Allo stesso modo, se avete una clientela giovane o professionale, la presenza di un accesso Wi-Fi ad Internet potrebbe far scegliere la vostra lavanderia quasi automaticamente.

Ma da ultimo – e non per questo da trascurare – dovrete pensare ad un aspetto che troppi trascurano: come mantenere la clientela che avete conquistato. Un cliente contento torna – e probabilmente porta un amico, o almeno gli parla della vostra lavanderia; ma un cliente scontento non soltanto si rivolge altrove, ma quasi sicuramente parla male di voi. Pensate a quanti bucati un cliente fa in un anno e calcolerete facilmente quanto è prezioso per voi. Per fortuna, mantenere la clientela di una lavanderia self service non è complesso: richiede solamente di avere un ambiente pulito, ordinato, e macchine che funzionano sempre in maniera impeccabile – e che vengono riparate prontamente in caso di guasto.

Come vedete, il marketing è fatto di piccole cose, ma importanti. Provate!

Contattaci e parliamone:
bottone-clicca-qui